lunedì, luglio 05, 2010

Un vecchio amico ci scrive...

Questo nostro amico è novizio presso i padri Cistercensi di Abbadia di Fiastra e ci ha scritto questa bella lettera che vogliamo condividere con tutti.

Cari Amici TIPI LOSCHI

sono veramente dispiaciuto di non avere partecipato ‘fisicamente’, quest’anno, alla festa del caro Pier Giorgio Frassati…

Dopo avere ascoltato la lettura in capitolo del Martirologio Romano (preceduta dalla lettura della Santa REGOLA di San Benedetto) che ricordava l’anniversario di un giovane laureato in ingegneria che seppe unire allo studio, alla politica , alla montagna… ecc… un grande amore per le opere di carità verso i più poveri di nome Pier Giorgio Frassati, e stimolato soprattutto dalla Parola di Dio del Vangelo odierno, che non poteva non corrispondere al 4 luglio anniversario di Piergiorgio Frassati, volevo condividere con voi amici, come a mio avviso l’amico Pier Giorgio avesse accolto con “CUORE DILATATO”: l’invito, la proposta, l’offerta, il dono che Dio come ‘AGRICOLTORE di un campo immenso, senza limiti’ rivolge al Beato, richiamandolo come operaio alla messe… comel’operaio giovane che semina e cura il terreno… accompagnandolo nella crescita e nella mietitura… insomma, colui che non si tira indietro… colui che non si mette in disparte alla proposta di Cristo, che lo mandò a mietere con la falce della Parola di Dio…del vivere il Vangelo: nella carità, nella fede e nella speranza…verso tutti coloro che egli incontrava, sosteneva e animava di Spirito Santo…

Questo giovane mietitore e operaio ancora oggi, nel cuore di tutti coloro che gli sono Amici, semina il seme della fede cristiana che porta a Dio, ci invita ogni giorno a evangelizzare e a comunicare con perseveranza il Vangelo a tutti e a vivere non di buon umore ma nella gioia, con gioiacon DIO…

Sia per noi tutti <>, sempre viva e interessante la partecipazione e l’ammirazione, alla coltivazione di Dio e sempre confortati dai suoi doni e da coloro che lavorano nel suo campo… gustiamo questa vita terrena ogni giorno, nella certezza che l’azione della fede cambia la vitae sempre riconosciamoci debitori di fronte al Creatore….

L’uomo è infatti incapace di…ViVeRe… da solo

Cari amici LOSCHI, possa in ognuno di voi la presenza di Cristo sbocciare e non morire, nelle opere numerose che la Provvidenza Divina vi dona, in modo particolare nella realizzazione della Scuola Media Chesterton…

(...)

Un caro abbraccio a voi tutti AMICI… e al Serra (in modo particolare… solo perche’ ha la barba…)

Sempre nelle mie preghiere!!! PASQUALE VIVABENE di MONTE

Domenica 4 Luglio

1 commenti :

lucy ha detto...

ciao io sono anni che non riesco ad avere notizie di pasquale vivabene un ragazzo di monte di circa 30 anni penso sia lui sapete dirmi qualcosa???