martedì, maggio 19, 2009

Scuola G. K. Chesterton - Una bella lettera e un concreto aiuto.

"Ordona, 08/05/09

Caro direttore,
mi chiamo Angelo, ho 22 anni e sono uno studente di ingegneria elettrica del Politecnico di Bari (...). La «conosco» per via del «Vivere e non vivacchiare» al quale la mia mamma ha fatto l'abbonamento un po' di anni fa conoscendovi al Meeting di Comunione e Liberazione (...). Da allora rinnoviamo l'abbonamento molto volentieri e lo proponiamo anche ad altri poiché per noi siete un esempio concreto di cristiani all'opera.
Le scrivo perché anche quest'anno, come da un po' di anni a questa parte, quando arriva la Quaresima si discute in casa su quale fiorett(o/i) fare dal punto di vista familiare. Con i miei, abbiamo deciso di guardar meno la televisione la sera e poi di donare un po' del nostro denaro, ognuno secondo le proprie possibilità, tanto al giorno, per tutta la durata della Quaresima. Questo gesto di fedeltà, costanza e obbedienza ha portato alla fine ad un totale di € 60,00.
Ed è qui che è sorta la domanda: «a chi destiniamo questi soldi?". L'anno scorso abbiamo deciso di mandarli agli amici di «Radio Maria», che ci sostengono nella fede e tengono viva la speranza ogni giorno; ed anche quest'anno si delineava la stessa cosa.
Ma pochi giorni prima di Pasqua è arrivata la lettera della Compagnia dei Tipi Loschi dove ci chiedevate di sostenervi per la realizzazione della Scuola Media Libera «Gilbert Keith Chesterton». Allora davanti a questa «coincidenza» abbiamo reputato più opportuna ed urgente la vostra proposta; e proprio domani andrò a devolvere il nostro piccolo contributo.
Ho deciso di scriverle perché reputavo importante farle sapere il perché della nostra scelta e soprattutto il come siamo arrivati a farla. Grazie della vostra presenza.

Angelo"

IL GRAZIE, ENORME, IN REALTA' LO DOBBIAMO DIRE NOI AD ANGELO E ALLA SUA FAMIGLIA, CHE CI INSEGNANO LA FEDE LA SPERANZA E LA CARITA'!

GRAZIE MILLE PER LA VOSTRA FEDELTA' E PER LA VOSTRA AMICIZIA!