sabato, marzo 28, 2009

Pier Giorgio vivo-18




Le brutture non lo toccavano; soccorrendo le moserie e il dolore, non rifuggiva dall'entrare nelle case dove la miseria è unita al vizio. Anche qui realizza il pensiero paolino: per chi è puro, tutto è puro; per chi è impuro, niente è puro.


Per queste sue disposizioni potè gustare il bello, anche nelle opere d'arte, senza fermarsi in considerazioni e riflessioni malsane.