venerdì, settembre 10, 2010

La storia di Oscar Elias Biscet

Abbiamo trovato questa notizia sul blog di www.messainlatino.it e vogliamo condividerla con i nostri lettori.
Vi faremo sapere se ci sono iniziative concrete a sostegno di quest'uomo.


Francesco Agnoli ci segnala questo martire oppresso, affinché non sia dimenticato, specie nelle preghiere:


Il nostro eroe, che vogliamo ricordare nella preghiera e sulle magliette, non è un guerrigliero, né un fanatico dell'ideologia. E' un cattolico, un nero, un medico che crede nella dignità della persona: per tutti questi motivi, è un perseguitato.

Il suo nome è Oscar Elias Biscet. Per Amnesty International, Human rights first, Freedom now, per migliaia e migliaia di cubani, è un "prigioniero di coscienza" e un vero eroe.

Biscet è nato all'Avana, nel 1961. Nel 1985 si è laureato in medicina, per poi creare, nel 1997, la fondazione Lawton per i diritti umani: tra questi egli pone, al primo posto, il diritto alla Vita. Diritto alla vita violato costantemente in un paese in cui esistono la pena di morte per i nemici politici; in cui organismi governativi sostengono la liceità della clonazione umana cosiddetta "terapeutica", contro l' "atteggiamento oscurantista", a loro dire, di chi si oppone; in cui esiste l'aborto forzato, per motivi di ricerca medica, e il tasso di abortività è circa 5 volte quello italiano; in cui l'uso del farmaco Rivanol come abortivo determina il fatto che nel caso di fallimento, cioè in un'alta percentuale, il bambino viene ucciso (infanticidio) per soffocamento, per emorragia, tagliando il cordone ombelicale, o lasciandolo morire senza assistenza; in cui il turismo sessuale, anche pedofilo, che è per molti cubani e cubane l'unico modo per sopravvivere, porta ad una tasso altissimo di aborti e di aborti su giovanissime!

In un paese in cui embrioni e feti sono spesso utilizzati e uccisi a scopo di ricerca, nel più perfetto stile nazi-comunista, a vantaggio di persone provenenti dai paesi più ricchi (il turismo medico, accanto a quello sessuale; vedi le testimonianze di medici cubani come Hilda Molina, Julian Alvarez, José Luis García Paneque…).

Per la sua battaglia "contra del aborto, eutanasia y el fusilamiento", cioè a favore della vita dei più piccoli, contro il degrado umano, contro la pena di morte e la tortura per i dissidenti e contro l'eutanasia, praticata su malati poveri, che si rivelano un peso economico, Biscet è stato aggredito, picchiato, additato come pazzo. Poi allontanato dal suo lavoro, rinchiuso in galera dal 3 novembre 1999 e al 31 ottobre 2002 con l'accusa, fasulla, di "insulti ai simboli della patria", "pubblico disordine" e "incitamento a commettere crimine".

Nel 2003 Biscet è stato nuovamente condannato, questa volta a 25 anni di prigione: oggi giace nella stessa isola in cui sorge Guantanamo, in condizioni terrificanti e disumane (ben descritte da prigionieri cubani come Armando Valladares, autore di Contro ogni speranza. 22 anni nel gulag delle Americhe dal fondo delle carceri di Fidel Castro, SugarCo 1985, Spirali 2007, e Pierre Golendorf, autore di Un comunista nelle prigioni di Fidel Castro, SugarCo 1978).

Prigioni in cui, secondo le Nazioni Unite, avvengono: "Isolamenti in stanze fredde; perdita del controllo di tempo e spazio; immersione in pozzi neri; intimidazioni coi cani; simulazioni di esecuzioni; botte ai reclusi; lavori forzati; confinamento per anni in prigioni chiamate 'cassetti'; uso di altoparlanti con rumori assordanti durante gli scioperi della fame; spersonalizzazione del detenuto mediante totale nudità in celle di castigo; soppressione di acqua ai prigionieri dichiarati in sciopero della fame; presentazione del recluso nudo davanti ai familiari per obbligarli ad accettare il piano di riabilitazione politica…".

Secondo Human rights first, Oscar Biscet soffre di "gastriti croniche e ipertensione", e ciononostante è confinato in celle solitarie, talora sotterranee, o con "violenti criminali". Inoltre è privato per lunghi periodi della possibilità di comunicare, di ricevere visite o medicazioni. La sua cella è senza finestre, senza bagno, umida, sporca, infestata dai vermi e senz'acqua. La sua salute è rovinata. Ha perso quasi tutti i denti, ma non il coraggio. Manda a dire ai suoi sostenitori: "La mia coscienza e il mio spirito stanno bene". Biscet è forse, vista la lunghezza della sua pena, il massimo prigioniero di coscienza oggi al mondo.

Lo chiamano anche il "negro olvidado" (il "negro dimenticato").

Noi, invece, vogliamo ricordarlo e chiederne la liberazione.

--
"Una cosa morta può andare con la corrente, ma solo una cosa viva può andarvi contro" (Gilbert Keith Chesterton)